THOR, Branagh si dà ai fumetti!


E’ da poco uscito nelle sale il nuovo kolossal della Marvel, THOR, e finalmente ci troviamo davanti un film che si discosta da quelli che lo hanno preceduto per una marcia in più, quella scintilla epica e drammatica che poteva donargli soltanto Kenneth Branagh , il più abile regista inglese nel riportare sugli schermi le antiche tragedie shakespeariane. Ricordiamo i suoi ENRICO V° e HAMLET, tra tutti, dove oltre a curare la trasposizione lo abbiamo visto eccelso interprete dallo stile prettamente teatrale. Branagh si è trovato alle prese con una produzione-monstre, ci è coinvolta anche la Buena Vista, ma è riuscito a tenere le redini del cast, tra i quali spiccano Anthony Hopkins nella parte di Odino e Tom Hiddleston nella parte di Loki, altamente drammatizzato e con il giusto spessore tra inganno e tentativo di redenzione. La mano di Branagh e la sua cultura dotta le riscontriamo nelle grandiose, fantasmagoriche immagini di Asgard; se ci fate caso la maggior parte delle scene interne si rifanno agli allestimenti d’opera wagneriani dei primi del Novecento e, nella scena in cui Odino si abbatte al suolo morente, il taglio delle inquadrature ci riporta alle più antiche pellicole in bianco e nero dell’espressionismo tedesco, da METROPOLIS a SIGFRID. Una gioia per gli occhi del cinefilo attento ma anche molta azione e humour per tutti gli altri, a partire dalla classica comparsata di Stan Lee alla guida di un pick-up che cerca di svellere il Martello Mistico dal suolo alla migliore delle battute; quando il robot Distruttore compare sulla Terra, gli uomini in nero della Shield si chiedono:” E’ roba di Tony Stark?”, “Non so, quel tizio non mi dice mai niente”, e chiaramente ricorderete che Stark è Robert Downey Jr che interpreta IRONMAN. Qualche piccola curiosità: Thor non porta il classico elmo alato che tutti i vecchi lettori del fumetto conoscono, e il solo vero Thor che ricordiamo, preso direttamente dai comics, fu la comparsata che fece Rick Wakeman – il prodigioso organista degli YES – nel film del 1975 LISZTOMANIA di Ken Russell, dove veniva creato da un Wagner novello dr.Frankenstein. In ultimo, sopportate stoicamente i sette minuti dei titoli di coda perchè vi godrete la usuale scena con Samuel Jackson nella parte di Nick Fury (in origine il sergente Fury era un bianco) che prelude al prossimo film THE AVENGER dove tornerà Thor con Ironman e Hulk. Buona visione!

Questa voce è stata pubblicata in anime cartoon, attualità, blog - blogger, cinema, fantasy, Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...