GNOMEO AND JULIET, uno spasso piccolo piccolo!


Il nuovo film prodotto dalla Walt Disney e diretto da Kelly Asbury della Rocket Pictures offre molto di più di quel che si potrebbe credere. L’idea piuttosto strana di fare inscenare il celebre dramma di Shakespeare da un folto gruppo di nanetti da giardino aveva inizialmente fatto storcere il naso ai critici ma il film va decisamente visto.  Sia per rendersi conto di quanto si possa fare con degli elementi decisamente bizzarri sia perchè oggettivamente è una pellicola deliziosa che si fa seguire con piacere dai più piccoli e non delude, con le citazioni cinefile e tante battute , anche gli adulti. Tra queste ricordiamo la sfida alla Gioventù Bruciata tra i campioni dei nanetti rivali, la chiacchierata con il monumento di Shakespeare, persino il camion dei traslochi – che compare nel momento più malinconico del film – che riporta su di sè la scritta “Rosencrantz e Guilderstein”, cosa che farà divertire i cultori della letteratura del Grande Bardo. Molte le scene “climax”,    il divertentissimo prepararsi per l’incontro amoroso tra Gnomeo e Giulietta che sfocia addirittura in immagini da fumetto puro mentre specularmente li vediamo lucidarsi e riverniciarsi (son pur sempre degli gnomi di coccio!) , il comparire ogni tanto dello gnomo caricatura di Elton John al pianoforte – cosa naturale visto che per tutti gli ottantaquattro minuti del film imperversano le canzoni sue, di Bernie Taupin e di Lady Gaga perfettamente adatte alle scene. Momenti drammatici come la supposta morte dei protagonisti e il triste addio del fenicottero di plastica alla sua amata mentre la casa va in rovina, funzionano egregiamente nel contesto della storia.  E chiude in bellezza con     una citazione inarrivabile per i più piccoli ma che i grandi, smaliziati, apprezzeranno: l’ingresso in scena per i saluti di rito, che può sembrare null’altro che lo stile tipico dei teatranti sul palcoscenico, ricorda invece il finale beffardo di Zatoichi, uno dei capolavori di Takeshi Kitano. GNOMEO E GIULIETTA presenta forse un unica pecca, il doppiaggio italiano con i dialetti forzati e calcati, provinciale tentativo di assicurare delle risate in più ad una pellicola che non ne sentiva assolutamente il bisogno e che, se potete, sarà meglio gustare in 3D. Buona visione!

Questa voce è stata pubblicata in anime cartoon, attualità, blog - blogger, cinema, Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a GNOMEO AND JULIET, uno spasso piccolo piccolo!

  1. gabriella ha detto:

    ciao::.
    mi hai fatto venire voglia..
    di vederlo..
    io amo i cartoni animati..
    piu’ qualunque altro film…
    nei cartoni animati…
    se si nota bene……
    ci siamo noi….
    ………..
    si……..sabato
    andro’ al cinema con iaia..
    ps: ma sai che quando ci sono i cartoons…
    le sale sono stracolme di persone aldulte…!!!

    • crenabog ha detto:

      brava Pallina, è davvero un filmino grazioso che va visto fino in fondo e gustato tutto. anche se sembra una cosa semplice in verità ci son molte piccole particolarità che ad un occhio attento aumentano il piacere della pellicola. Saluta iaia. ciao!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...