MIYAZAKI e PORCO ROSSO


Porco Rosso, film d’animazione del lontano 1992, è sempre stato una delle perle più ambite dai collezionisti dei lavori del grande Hayao Miyazaki, e fino a poco tempo fa si era costretti a farselo inviare dal Giappone o dall’America in dvd.   Questo perchè la Walt Disney, anni addietro, comprò i diritti dei suoi film con la lampante voglia di tenerli bloccati nei cassetti allo scopo di non subire la concorrenza contro i propri prodotti. Ma alla fine la celebrità del Maestro è stata talmente tanta che si son visti costretti a distribuirli. Quest’anno finalmente arriva nelle sale e in dvd PORCO ROSSO e prossimamente sarà la volta anche di NAUSICAA. La storia di Porco Rosso è presto detta, si tratta di un aviatore italiano durante la Prima Guerra Mondiale che, avendo abbandonato i suoi compagni durante una battaglia, viene colpito da una strana maledizione che gli conferisce il volto di un maiale (animale curiosamente ricorrente nei lavori di Miyazaki, ad es. in Mononoke e Spirited Away), e che si dà alla macchia con il suo idrovolante mettendosi a combattere certi bizzarri pirati dell’aria che depredano passeggeri e aerei.     Il tutto in una cornice metastorica dove Marco Pagot – questo il nome di Porco Rosso, omaggio dichiarato del Maestro a Toni Pagot, celebre disegnatore italiano negli anni sessanta – viene ricercato dalla polizia e dalle forze armate per la sua diserzione.  Bellissimo nei disegni, favoloso l’uso del colore, romantico nella storia del suo amore abbandonato, questo film è da sempre una pietra miliare tra gli “anime” e la notizia che sta cominciando a circolare con sempre più forza è che il Maestro si stia preparando a realizzarne un sequel, il cui titolo dovrebbe essere “Porco Rosso:the last sortie” e dovrebbe essere ambientato in Spagna durante la Guerra Civile, dove l’Italia Fascista dispiegò le proprie armate al fianco delle legioni naziste e delle truppe ribelli del Generale Franco contro il governo repubblicano e i comunisti.    La notizia fa seguito alla prossima uscita di Karigurashi no Arriety, del regista esordiente Yobenashi Hiromasa dello Studio Ghibli, che in patria ha già guadagnato oltre 6,5 miliardi di yen e che è l’adattamento di un vecchio e celebre libro inglese per l’infanzia, già portato sullo schermo e conosciuto da noi col titolo “I rubacchiotti”, interpretato da John Goodman ma che ebbe un successo piuttosto limitato. Il problema principale che è insito nella creazione del sequel è che dovrebbe avvenire a fronte di un ridimensionamento dello Studio Ghibli, nato per dar luce ai lavori di Miyazaki e di Isao Takahata, come in effetti avvenne sia con KIKI che con IL CASTELLO ERRANTE DI HOWL, inizialmente affidati a registi nuovi e poi presi saldamente in mano dal Maestro.  

TOTORO a Romix 2010

  Non sempre però i film del Maestro ebbero il successo desiderato, anche per curiose ed errate strategie di mercato. Ricordiamo che TOTORO, uno dei più amati dai fans di tutto il mondo, venne pochissimo visto perchè uscì insieme a UNA TOMBA PER LE LUCCIOLE la cui proiezione precedeva quella di TOTORO nelle sale.    Ora, UNA TOMBA PER LE LUCCIOLE è uno dei film animati più angoscianti e tristi che abbia mai visto, ambientato nell’immediato dopobomba, tra gente ridotta a larve e due fratellini rimasti orfani che lottano fino alla morte per sopravvivere.  Paragonabile solo a THE DAY AFTER, fece scappare la gente dalle sale e inizialmente TOTORO sparì per ridiventare un cult negli anni a seguire.  Ci si augura che il Maestro possa portare avanti il sequel di Porco Rosso degnamente o, cosa che quasi tutti i fans si chiedono, magari si faccia venire in mente un nuovo film all’altezza della potenza di PRINCESS MONONOKE o della visionarietà di LA CITTA’ INCANTATA. Restiamo in attesa!

Questa voce è stata pubblicata in anime cartoon, attualità, blog - blogger, Fantascienza - Horror - Libri e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a MIYAZAKI e PORCO ROSSO

  1. Rachel Marilyn ha detto:

    I don’t think this is something for me hahaha, maybe it is more of a guy thing?

    I’m more of the fairytales and chick flicks (A)

    But I do think it is very well done!

    xoxo Rachel Marilyn.

  2. crenabog ha detto:

    Rachel darling, yes, PORCO ROSSO is an unusual tale, not a fairy tale, and I know that only the fans of the Sensei loved it. For your taste is best SPIRITED AWAY, a wonderful tale (an Oscar!) with reminescences of all the traditions in japanese’s myth and another really delicate is TOTORO, great for children and adults. Have a good vision of them if you can!

  3. Pingback: 2010 in review | Crenabog's Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...