Ristorante TRILUSSA. Ronciglione.


WP_20150728_13_03_56_Pro

Durante uno dei nostri soliti viaggi alla ricerca di curiosità e ghiottonerie, abbiamo visitato la meravigliosa riserva naturale del Lago di Vico, con le sue faggete e i cinghiali selvatici, le minuscole spiagge silenziose ed il panorama riposante e ameno. Nelle vicinanze si incontra la cittadina di Ronciglione dove ci siamo fermati per mangiare: cercando un locale interessante ci siamo fatti attirare dal ristorante TRILUSSA, che si trova in Corso Umberto I° al numero 108.  Il locale non è grandissimo e sarebbe meglio prenotare, soprattutto nel fine settimana; atmosfera piacevole e rilassante, niente modernismi inutili nell’arredamento ma un atmosfera casalinga anche se elegante. Fabio ed Eléna conducono il locale dal 2010 e hanno ricevuto per due volte l’eccellenza su Trip Advisor: inoltre il locale è ben noto a chi naviga in Internet visto che se ne è parlato molto nei siti specializzati in turismo e ristorazione. Per noi che non lo conoscevamo, la piacevole sorpresa di essere stati accuditi e accompagnati nelle scelte con amichevole simpatia. Servizio rapido – giusto il normale tempo delle cotture – e porzioni molto abbondanti per le nostre scelte che sono state: bucatini alla amatriciana, delicati e non piccanti, mezze maniche ai quattro formaggi dal sapore persistente e ben amalgamato, scaloppina al limone e petto di pollo ai ferri, gustosamente accompagnate da patate fritte a pezzi e non a listelli, brunite dalla particolare speziatura e dalla paprika. Con bevande, pane e coperto il conto è stato di 40 euro in totale, prezzo assolutamente in linea con ristoranti più modesti e quindi molto gradito, senza che nulla fosse mancato al nostro pranzo. Il TRILUSSA accetta carte di credito e bancomat e, se un solo appunto – o consiglio amichevole – possiamo fare,  si potrebbe evitare di lasciare il televisore acceso e al suo posto accendere una filodiffusione di musica da camera che accompagnerebbe meglio l’esperienza enogastronomica. Il locale offre vasta scelta di piatti di montagna e di mare, oltre a molti tipi di pizze e una buona carta di vini, la clientela è per lo più composta da avventori affezionati che tornano ritualmente, il che è sempre una garanzia in più. Da Roma si raggiunge con la via Cassia (ss3) e si può facilmente parcheggiare sul Corso e nelle stradine intorno.

WP_20150728_13_35_53_Pro6tag_280715-153925

Pubblicato in attualità, blog - blogger, recensioni, ristoranti, turismo, viaggi | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Ristorante Harvey , Anguillara


WP_20150716_14_29_20_Pro

Ogni anno, approfittando della stagione estiva e di qualche raro momento di tempo libero, ci rechiamo al lago di Bracciano, nelle vicinanze di Roma, per godere la vista rilassante e la tranquillità delle sue sponde. Tra le cittadine di Bracciano, Trevignano ed Anguillara, che sul lago si affacciano, i turisti hanno la possibilità di scegliere una imponente offerta di alberghi, campeggi, bed and breakfast e soprattutto ristoranti: tra questi, dopo averne provati diversi, da sempre prediligiamo il ristorante Harvey, sito in piazza Reginaldo Belloni 1, ad Anguillara Sabazia. Per chi viene direttamente si può fare la via Cassia o la Braccianese, che conducono al lungolago. Lì, in piena zona centrale, troviamo a fare da sentinella sulla passeggiata proprio l’ Harvey; parcheggiare è facile, sia sul lungolago che nei parcheggi appositi vicini. Il locale è tipico, ben ventilato e spazioso, l’arredamento classico ed il servizio si è sempre rivelato cortese ed efficiente. Nella nostra ultima visita abbiamo provato le seguenti portate: spaghetti all’astice, dal sugo denso e sapido e con un grande mezzo astice dal profumo notevole, accompagnati  dalle apposite pinze per aprire la chela e salvietta di cortesia; risotto alla crema di scampi, assolutamente delizioso, un gusto persistente, dolce, cremoso. Per secondo abbiamo preso delle scaloppine al limone molto morbide e nelle quali il limone dava il giusto accompagno senza sovrastare il gusto, ed una grande insalata di rughetta, astice, gamberetti e parmigiano , fresca e piacevole. Compreso le bevande il conto è stato meno di venticinque euro a persona, prezzo in linea con altri ristoranti di buon livello e decisamente più basso di quanto ci si trova a pagare a Roma, ma tenete presente che le portate sono di dimensioni più che gratificanti. Una proposta interessante, nella vasta offerta di pizze infine, sono le curiose pizze alla frutta, introvabili nella capitale. Sempre presente ed accorto il proprietario, sig. Valter Proietti (nella foto) che salutiamo in attesa di tornare a trovarlo.

WP_20150716_14_27_59_Pro

Pubblicato in attualità, blog - blogger, recensioni, ristoranti, turismo, viaggi | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Agriturismo Rio Coverino


rio coverino 1

La migliore delle vacanze è sempre quella improvvisata, vissuta alla ventura, lasciandosi trasportare dalla strada, che permette di scoprire cose inattese ma spesso molto piacevoli. Giorni fa, complice un sole spettacolare, io e mio figlio siamo saliti in auto, abbiamo preso la via Flaminia in direzione nord e ci siamo goduti il panorama, i vari paesini fino a che, giunta l’ora di pranzo, si imponeva la ricerca di un posto dove mangiare; casualmente abbiamo incrociato il cartello di un agriturismo, passata Civita Castellana, in località Sassacci. Ci siamo infilati nello sterrato e con sorpresa abbiamo trovato un luogo davvero ameno, una bassa costruzione per il ristorante e camere, vicino ad una bizzarra, imponente e antica costruzione a gradoni. La zona è vulcanica e una volta c’era una fabbrica, scavavano la pietra lavica e la lavoravano. Di fianco al vecchio portale esiste anche una camera adibita a chiesuola dedicata a sant’Uberto, con un piccolissimo altare, che viene usato per cerimonie e matrimoni locali. Molto grazioso il tutto, rustico ma con stile l’arredamento, e attento il servizio; alto il livello qualitativo del cibo: abbiamo provato antipasti di bruschette miste, come primi fettuccine al cinghiale e gnocchetti al tartufo, per secondi scaloppine al limone, uova all’occhio di bue con tartufo e funghi, e patate al forno al finocchietto selvatico per contorno. Bevande, coperto e caffè per un totale di 48 euro, il che è tranquillamente nella norma di un ristorante tipico italiano di buon livello. Ve lo consiglio caldamente, se mai siate laziali e abbiate voglia di un piacevole itinerario gastronomico fuori porta, o se siete più lontani e volete un luogo tranquillo per qualche giorno di aria buona e buon mangiare.La sosta è nella pace del verde e la vista spazia su un infinito susseguirsi di campi e di boschi. Oltre le camere hanno anche due piscine alimentate con acqua salata, per chi volesse nuotare tra le colline. Buon viaggio e buon divertimento! Le info sull’agriturismo le potete richiedere telefonicamente, o visitare il loro sito.

agriturismo Rio Coverino tel. 0761 515912 – 368 34.41.923 http://www.riocoverino.it

rio coverino 2

rio coverino 3

Pubblicato in attualità, blog - blogger, recensioni, ristoranti, turismo, viaggi | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

SONS OF ANARCHY se05e06 “Small World”


La nuova puntata dei SOA porta con sè sangue e rivelazioni. Muore la moglie dello sceriffo, aggredita in precedenza, sempre nell’ottica di far ricadere tutto sui SOA,   Pope coinvolge il club in un enorme giro di droga, la sorellastra di Nero finisce in maniera tragica e si arriva al culmine quando Pope rivela a Jacx l’indirizzo del capo delle guardie carcerarie che era coinvolto nell’assassinio di Pope. La loro vendetta sarà brutale. Nel finale appare    finalmente chiaro l’intreccio che sin dall’inizio gli spettatori avevano sospettato e che presuppone il via a nuovi bagni di sangue. Una puntata a tratti eccessiva ma veramente forte che si integra in uno script solido e molto ben congegnato.

 

Pubblicato in attualità, blog - blogger, cinema, Sons of Anarchy | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

SONS OF ANARCHY stagione 5 episodio 2


Anche se meno drammatico del primo episodio, ecco il secondo a proseguire sulle basi gettate, con un grande colpo di scena.  Mentre restiamo nel dubbio se sia stato veramente Clay ad organizzare l’assalto a casa di Gemma,   il club è in fermento per le ritorsioni che gli O-Niners faranno contro le loro famiglie.  La situazione è pesante, e Jax deve forzatamente costituirsi alla polizia insieme a Bobby e Tig, che cerca di far scappare la sua seconda figlia.  Climax della puntata, certamente l’imprevisto matrimonio tra Jax e Tara, che prevediamo getterà nello sconforto tutte le fans della serie. Gemma, quando lo scopre, ovviamente diventa una furia ma dimostra una volta di più il suo carattere roccioso donando a Tara le sue fedi nuziali.   Chi vive la vita del biker sentirà un brivido correre sulla schiena vedendo Tara togliere a Jax gli anelli col simbolo dei Sons Of Anarchy, per mettergli la fede nuziale. In questo breve momento cogliamo tutta la carica che Tara sente di rivestire,  nel cuore di Jax, venendo prima persino dei colori del club.  Opie, intanto, informato da Clay della confessione fatta ai membri circa l’uccisione di suo padre, torna alla clubhouse in tempo per vedere Jax, Bobby e Tig arrestati. Aggredisce lo sceriffo e si fa portare in cella insieme a loro, per proteggere i fratelli in carcere, e ce ne sarà bisogno dal momento che abbiamo visto Jax chiedere a Romeo   (Danny Treyo) – che nella quarta serie abbiamo scoperto essere un agente della CIA – protezione in carcere e vediamo invece come questi abbia intenzione di lasciare che vengano uccisi tra le sbarre. In sella per la terza puntata…

 

http://serietvsubita.org/2012/09/sons-of-anarchy-s05e02-sub-ita-5×02/

Pubblicato in attualità, blog - blogger, cinema, Senza categoria, Sons of Anarchy | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

SONS OF ANARCHY stagione 5


Va in onda stasera in America il secondo episodio della nuova stagione di SOA, che ha totalizzato, tra il primo episodio di questa nuova e le altre stagioni, la cifra impressionante di circa sette miliardi di telespettatori. La quinta serie è iniziata alla grande, con grandi colpi di scena e spargimenti di sangue, poggiando le basi per quel che seguirà e che inevitabilmente conterrà molti capovolgimenti delle attuali dinamiche nella Famiglia dei SOA.  Gemma, dopo una scena al limite del porno, si trova invischiata con un trafficante di donne al quale si accompagnerà e che farà da nuovo tutor per Jax.   Clay, devastato fisicamente, deciderà di rivelare chi ha davvero ucciso il padre di Opie al gruppo, mostrando così di stare intessendo nuovamente le sue ragnatele al fine di vendicarsi. Tre nomads dei SOA verranno accettati nella Famiglia ma nel finale li vediamo impegnati nel pestaggio dell’ex sceriffo innamorato di Gemma e possiamo dedurne che abbiano piani molto poco simpatici da portare avanti in segreto. I SOA tentano la riappacificazione con gli One-Niners ma il loro capo, dopo aver dato prova di efferato cinismo all’interno della sua stessa banda, volendo vendicarsi della morte di sua figlia per mano di Tig, ne rapisce la primogenita e gliela brucia viva davanti agli occhi. In pratica non una puntata ma una esplosiva miscela di devastazione incombente.  In merito ai Nomads c’è una curiosità:  tra breve apparirà il presidente dei Nomads, che verrà interpretato da Rusty Coones, che nella realtà è un Hell’s Angels, fondatore del chapter degli HA in Orange County. Coones ha una band heavy metal, gli Attika7, e hanno suonato per molti passati episodi di SOA.  Restiamo sintonizzati sulle prossime puntate e vediamo se Jax riesce a mantenere il comando anche finendo in cella e rischiando di essere ucciso…

http://serietvsubita.org/2012/09/sons-of-anarchy-s05e01-sub-ita-5×01/

Pubblicato in attualità, blog - blogger, motociclismo, Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

ICE AGE 4 CONTINENTAL DRIFT


In attesa che anche in Italia esca il nuovo capitolo de L’Era Glaciale, qualche piccola notiziola sulle scene che vedrete. In questo film troviamo la famiglia di Manny divisa dal crollo della montagna: mentre la moglie e la figlia Ellie (Peschina in originale) restano sul continente, Manny, Diego, Sid e la new entry – la nonna di Sid che gli è stata affibbiata dai suoi parenti con la scusa di una visita familiare per poi fuggirsene via – vagano su un blocco di ghiaccio alla deriva fino all’incontro con una banda di pirati guidati da Capitan Sbudella (Trippa in originale, e così si perde la battuta sul perchè di “Trippa”…). La loro prigionia, la fuga, la vendetta del gorilla Sbudella e la vittoria finale dei nostri ai quali si aggiungerà una tigre femmina per la felicità di Diego, sono il plot abbastanza esile del film ma molto felicemente sviluppato con belle citazioni per cinefili tra le quali: Sid che recita “Acqua, acqua, dappertutto, e neanche una goccia da bere” dalla Ballata dell’Antico Marinaio di Coleridge, Capitan Sbudella che canta la sua canzone riportandoci alla memoria Long John Silver recitato da Tim Curry ne I Muppet e l’Isola del Tesoro – dove Curry si lamentava di avere un unico brano musicale da cantare. Le sirene, poi, oltre ad essere inquietanti sono talmente simili ai lumaconi di GIU’ PER IL TUBO che ci si aspetta i topi della Aardman da un momento all’altro.  Molto limitato lo spazio concesso ai due piccoli opossum che avevano gigioneggiato nei precedenti films mentre entrano Louis, un riccio amico di Nellie, e un giovane sexy mammouth di cui lei si è invaghita. Personaggi classici delle commediole americane, solo non umani, ma con le stesse dinamiche viste sin troppe volte perchè siano interessanti. Vari siparietti di grande umorismo guizzano per tutto il film grazie a Scrat che approda alla fine nientemeno che ad Atlantide, col solito disastro che ne consegue. Nel complesso non una pietra miliare, ma certo un ora e mezza di sano divertimento, molto ben disegnato e diretto. Consigliabile a tutti.

Pubblicato in anime cartoon, attualità, blog - blogger, cinema, fantasy | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

CHRONICLES OF RIDDICK 3


Lo abbiamo atteso per anni, poi Vin Diesel ha messo tutti i fans in ebollizione regalando notizie in merito al terzo capitolo della saga di Riddick, che ora è pronto, il tempo di dare gli ultimi ritocchi alla pellicola e a tutto il carrozzone che ci si muoverà intorno e finalmente il mondo potrà tornare a godersi le gesta del Furyano più amato da tutti.  Se, come è naturale, vi aspettavate un proseguio di Riddick nelle vesti di imperatore dei Necromonger, con tutto lo sfarzo monumentale che ci voleva, sappiate che invece vedrete un Riddick tradito ed abbandonato su un pianeta selvaggio e disabitato dove dovrà combattere per sopravvivere contro mostri e cacciatori di taglie in arrivo da altri pianeti. Per la maggior parte della pellicola questo sarà il plot, salvo poi vederlo impossessarsi di una astronave per tornare sul suo pianeta natale nel tentativo di evitarne la distruzione.  Benchè Vin Diesel abbia più volte espresso la sua soddisfazione per questo ritorno ad un certo “intimismo” tipico di PITCH BLACK, ci viene il sospetto che la produzione abbia voluto limitare i costi, evitando gli sfarzi del secondo film. Sarà comunque uno spettacolo appassionante, grazie alla forza di attrazione di Vin Diesel, sempre positivo e allegro nella vita reale, capace di guidare un seguito di più di tre milioni di fans nel web con i suoi pensieri e i suoi motti. Restiamo in attesa, certo non resteremo delusi  e, se proprio alla fine il film non andasse a colpire l’obbiettivo, consoliamoci con la grande notizia che Vin ha dato ai fans un mese fa: è a Londra, infatti, e sta partecipando alla lavorazione di FAST AND FURIOS 6 …

Pubblicato in attualità, blog - blogger, cinema, Fantascienza - Horror - Libri, fantasy, Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

POTTAMI CU’TTIA, un angolo di Sicilia a Roma


Durante uno dei nostri soliti giri, io e il figliolo abbiamo scoperto un piccolo negozio, nella zona di Prati a Roma, che va ad aggiungersi alla catena di negozi denominati SICILIAINBOCCA che da tempo allietano la capitale con i loro prodotti particolari, insieme ad un altro marchio che va espandendosi, MONDO ARANCINA. Il nome del negozio è già curioso di per sé, “POTTAMI CU’TTIA” ma per chi non ha mai avuto modo di visitare l’isola è uno spettacolo da non perdere. Un angolo pieno di colori abbaglianti e di cose incredibili. Nella foto vedete un bancone carico di biscotti e dolci di pasta di mandorle seguiti da una gran varietà di cioccolate di Modica. Qui invece potete vedere lo scaffale delle ceramiche, di Caltagirone, originali e davvero sontuose nella loro ridondanza cromatica.  C’è la possibilità di assaggiare i prodotti e i fruttini di marzapane, sapete, quelli pesantissimi, profumati e colorati che se non sono assolutamente buoni e perfetti non val la pena prenderli? Abbiamo gustato tutto poi  ho preferito acquistare le paste alle mandorle coperte di pinoli – davvero dolci e morbidi, non bruciati come capita spesso – e quelle al pistacchio, una ghiottoneria! Il negozio offre ai visitatori una ampia scelta di prodotti delle marche più celebri della Sicilia, dai vini alle salse, dai formaggi ai dolci, persino libri e una curiosissima varietà di candele che vedete nella foto qui sotto. Il negozio e tutte le info che vi possono servire lo potete visionare anche qui: 
http://www.pottamicuttia-siciliainbocca.com/default.html
Dispiace solo che il negozio “on line” non sia ancora pronto ma aspettiamo con l’acquolina in bocca di poterci rifornire di queste meraviglie anche via web.

Pubblicato in attualità, blog - blogger, ristoranti, Senza categoria, turismo, viaggi | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

LA TABERNA DI BACCO ad Ariccia


Tornando da una bella ed interessante gita al Museo delle Navi del lago di Nemi, ci è capitato di incontrare, sulla via Appia n°49, tra Genzano ed Ariccia, un piccolo ristorante graziosamente situato in una zona panoramicamente interessante. Ampio parcheggio davanti alla rustica costruzione, la Taberna di Bacco, che ha riaperto i battenti da pochissimo, offre ai suoi clienti un ameno giardino dove mangiare all’aperto e una grande sala interna in stile stube austriaco, con camino e affreschi alle pareti. Scoperta piacevolissima, sia per il servizio, celere e attento, sia per il mangiare. Ci siamo attenuti al cosiddetto “menù turistico” che, con solo 12 euro a persona, neanche un centesimo in più, ci ha offerto: gnocchetti alla gricia e al sugo, lombata di maiale con patate al forno, caprese molto fresca con melanzane grigliate, torta sbrisolona con crema e frutti di bosco, acqua, vino, coca cola, caffè. Porzioni abbondanti e molto saporite, allietate dalla presenza gentile e costante della Sig.ra Sabrina che ha curato pazientemente il servizio. Una tappa che ci auguriamo possa diventare un riferimento fisso per i lettori che si trovino in quella zona. Ricordate, il venerdì è previsto il menù a base di pesce, fresco ovviamente!

Pubblicato in attualità, blog - blogger, Senza categoria, turismo, viaggi | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento